Toolbar
  • Layout
    Linear Layout
    Grid Layout

Aneesa

Aneesa è un brand di abbigliamento femminile pensato per un settore specifico: la modest fashion. Aneesa è un nome di origine araba che significa “amica”. Aneesa non vuole essere solo un brand ma un’amica per le nostre clienti. Il nome Aneesa deriva dalla lingua araba e significa “amichevole, intima, personale”. La radice del nome è A-N-S, che significa “percepire, riconoscere”. Il nostro obiettivo è quello di creare un brand di abbigliamento in un settore in forte espansione come quello della modest fashion proponendo un’offerta di prodotti di alta qualità made in Italy a prezzi competitivi grazie al modello direct to consumer. Vogliamo essere un punto di riferimento per la consumatrice musulmana in Asia e in Europa che non riesce a trovare abiti in linea con i propri valori tradizionali, ma allo stesso tempo moderni, ricercati e femminili, di assoluta qualità. Allo stesso modo vogliamo fare innovazione di tipo culturale abbattendo le barriere culturali e religiose con un’offerta maggiormente inclusiva per la consumatrice occidentale. A quest’ultima proponiamo un nuovo modello di femminilità che trova in un abbigliamento né aderente né trasparente, la forza di esprimere la propria indipendenza, eleganza e femminilità. Il mercato occidentale può avere interessanti opportunità di sviluppo per la natura stessa dell’abbigliamento modest, non legato necessariamente a una cultura ma a una nuova filosofia femminile del vestire inclusiva. I prodotti Aneesa si caratterizzano per un design dove oriente e occidente si incontrano. Le linee sono minimal e la vestibilità è comoda, i tessuti utilizzati sono ricercati e della più alta qualità, spesso con colori decisi e accesi. I capi spaziano da uno stile più elegante ad uno più casual e tutti presentano dettagli rifiniti e curati alla perfezione.

www.aneesaitaly.com  facebook

Celeste Silvestro nata a Latina il 17/09/1994, attualmente lavora come modella, fotomodella e showgirl. Infatti è testimonial di varie campagne pubblicitarie, testimonial di prestigiosi marchi di abbigliamento e altri grandi brand, ma anche protagonista di shooting e workshop, spesso ospite di molti programmi televisivi tra cui Monitor su Lazio TV e co-conduttrice del programma  “La voce di Roma”su Gold TV. Contemporaneamente alla sua professione  prosegue gli studi universitari con la laurea magistrale in Scienze Motorie, a breve arriverà anche la seconda laurea.

instagram

Con la sfilata conclusiva della 32ma edizione del Concorso Nazionale Professione Moda Giovani Stilisti si è chiusa RMI 2022, la manifestazione organizzata da CNA Federmoda dedicata alla connessione scuola-impresa, formazione-mondo del lavoro e allo scambio interculturale. I 28 finalisti partecipanti alla fase finale del Concorso, suddiviso in sei sezioni, dopo aver partecipato ad un intenso programma di workshop che li ha impegnati da martedì 12 luglio ed essersi sottoposti all’esame della giuria di esperti hanno avuto occasione di veder sfilare le loro creazioni all’interno del programma di Altaroma venerdì 15 luglio presso il Guido Reni District sotto la regia di Antonio Falanga e Grazia Marino (Spazio Margutta), con la direzione video di Alex Leardini, la fotografia di Davide Vignes e la direzione artistica di Roberto Corbelli. Con RMI 2022, CNA Federmoda ha ripreso il tradizionale confronto internazionale ospitando, anche, grazie al supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di ICE Agenzia gli stilisti Fahed Gaspar e Cúccla Mithá selezionati dalla Mozambique Fashion Week e Sarra Jomaa vincitrice dell’edizione 2022 de Le Festival des Jeunes Créateurs de Mode de Tunisie.
“RMI è indubbiamente una piattaforma unica nel suo genere – dichiara Antonio Franceschini, Responsabile Nazionale CNA Federmoda – grazie alla capacità di far dialogare i più diversi stakeholder del settore, di riunirli durante la fase finale della manifestazione per poi continuare a sviluppare occasioni di confronto e dialogo”. “Penso ad esempio all’opportunità che avranno i finalisti della sezione intimo e mare di presentare i loro progetti anche alla prossima edizione di Maredamare, ma anche alle relazioni createsi tra le imprese italiane e gli stilisti internazionali intervenuti, così come agli scambi professionali e culturali che si sviluppano grazie a collaborazioni come quelle che CNA Federmoda ha definito ad esempio con la Mozambique Fashion Week o con il Festival des Créateurs de Mode” – continua Franceschini.
“CNA Federmoda ritiene fondamentale investire sulla formazione nel settore, e con RMI e il Concorso Nazionale Professione Moda Giovani Stilisti pratichiamo questa enunciazione – precisa il Presidente Nazionale CNA Federmoda, Marco Landi – riteniamo infatti che ognuno debba fare la sua parte, noi come rappresentanti del mondo delle imprese ci impegniamo in un dialogo costante con le scuole italiane del settore e chiediamo, come ho avuto occasione di esprimere nella recente riunione del Tavolo moda al MiSE, che il Governo supporti il settore anche con misure formative utili a preparare al meglio nuove figure professionali che possano entrare nelle aziende e nel futuro sostituire quelle maestranze in uscita dal settore per raggiunti limiti d’età”.
“Fin dalle origini del Concorso abbiamo puntato su borse di studio e stage quale riconoscimento ai vincitori al fine di creare le condizioni per facilitare il rapporto tra i giovani, aspiranti ad entrare nel settore moda, e le imprese – dichiara Roberto Corbelli, Direttore Artistico di RMI – e con grande soddisfazione oggi registriamo che per molti giovani la nostra iniziativa è stata l’occasione per avviare la loro carriera professionale”.
Ecco quindi le valutazioni della giuria che ha decretato i vincitori del XXXII Concorso Nazionale Professione Moda Giovani Stilisti.

  • Premio Sezione Abbigliamento è stato consegnato da Serena Cattoli di Takeshi Kurosawa a Francesca Corelli dell’Accademia delle Belle Arti di Bologna.
  • Premio Sezione Maglieria assegnato a Samuele Di Campli dell’Accademia NAMI di Pescara da parte di Sara Massi di Filpucci.
  •  Premio Sezione Pelletteria e Calzature è stato assegnato ad Alessandra Caroti dell’Istituto Modartech di Pontedera da Piergiovanni Vitalini di Forza Giovane.
  • -Premio Sezione Intimo e Mare è stato assegnato da Alessandro Legnaioli di Maredamare a Elisa Hilal dell’ACOF Olga Fiorini di Busto Arsizio.
  • Premio Sezione Pellicceria è stato consegnato da Elena Rizzo di AIP a Ilaria Travaglini dell’Accademia NAMI di Pescara.
  • Premio Sezione Gioielleria è stato consegnato dal Presidente del Centergross di Bologna, Piero Scandellari a Daniil Neskromniy dell’Accademia Italiana di Roma.

È inoltre stato assegnato da parte di Beppe Pisani per Silkomo un Premio Speciale, consistente in una fornitura di tessuti made in Como a Wissam Moustapha dell’Accademia Italiana di Roma, per la ricerca stilistica e l’immagine presente nei suoi capi Premio assoluto quale miglior stilista del 32° Concorso Nazionale Professione Moda Giovani Stilisti – RMI 2022 consistente nel Premio Speciale LECTRA per il Design relativo a una licenza software Modaris® per l’industrializzazione della collezione, con relativa formazione con un esperto del team LECTRA, del valore complessivo di 7.500 Euro* e nella partecipazione in qualità di guest-designer alla Mozambique Fashion Week 2022 in base all’accordo di cooperazione tra CNA Federmoda e DDB Mozambique è stato assegnato a Francesca Corelli dell’Accademia di Belle Arti di Bologna da parte del Presidente Nazionale CNA Federmoda, Marco Landi, da Alessandro Greco di ICE Agenzia e da Jaqueline Liger di Lectra.

www.pgevents.it  facebook

4fashionlook su Facebook   4fashionlook su Instagram   4fashionlook su YouTube