Editoriali

La collezione per la Primavera Estate di Afhra immagina un bellissimo giardino tenuto nascosto da un immenso deserto. Il deserto è spazio a perdita d'occhio, assenza, forza, orizzonte libero, meditazione, resistenza, silenzio. Il deserto è l'elemento maschile. 
"Dio ha creato le terre con i laghi e i fiumi perché l'uomo possa viverci. E il deserto affinchè possa ritrovare la sua anima." (Proverbio Tuareg). La collezione si ispira al giardino nei volumi generosi, nelle forme morbide e nei materiali dal touch sensuale. I modelli di Afhra recano il nome di donne iconiche, creative, ispiranti:

  • Dora come Dora Marr: fotografa e artista surrealista a tutto tondo, purtroppo è passata alla storia più per la sua lunga relazione con Picasso, che per il suo innegabile talento. Conobbe Man Ray, André Breton, Georges Bataille, Brassaï, Éluard. Rappresenta la donna fragile nonostante il grande talento e la bellezza.Dora è una grande sacca con il fianco che si richiude allacciandolo con un enorme nodo in pelle, formato da due grandi bande. E' un modello leggerissimo, molto femminile ed avvolgente. Le bande in pelle possono essere lasciate libere o annodate.
  • Annemarie come Annemarie Schwarzenbach: scrittrice, giornalista e grande viaggiatrice. Assieme ad Ella Maillart raggiunse in automobile il continente indiano attraversando l'Iran e l'Afghanistan e svolse la sua attività di giornalista in Europa come negli Stati Uniti. Totalmente androgina, ribelle, bohémien e raffinatissima. Annemarie è una tote clean e unisex, completamente piatta, con manici e tracolla in colore a contrasto. Sul lato anteriore della borsa è applicata una tasca dalla particolarissima costruzione geometrica in pelle vacchetta.
  • Lee come Lee Miller: fotomodella, fotografa surrealista, fotoreporter accreditata in territori di guerra. Musa ispiratrice, modella, collaboratrice e collega di alcuni dei più grandi artisti del '900. Rappresenta la donna bellissima e indipendente, attiva e competitiva. Il modello Lee è una grande tote con volume aperto, geometrico, morbido. Ha una costruzione particolare per manici e fondo. E' un modello sportivo chic senza tempo.
  • Colette come Colette: scrittrice, attrice, critica, giornalista, sceneggiatrice. Al centro di una Parigi fenomenale. Colette rappresenta il genio multiforme e la creatività con spirito imprenditoriale, affascinante, femminile e androgina allo stesso tempo. La borsa Colette ha una patta a bande di pelle sovrapposte e una costruzione su base ottagonale, con un fianco con molteplici tagli costolati. Femminile senza essere leziosa sembra piccola ma in verità è particolarmente capiente.

afhra_moda_abbigliamento_shopping_4fashionlook

afhra_moda_abbigliamento_shopping_4fashionlook

afhra_moda_abbigliamento_shopping_4fashionlook

www.afhra.net  facebook

Nel weekend del 7-8-9 giugno a Torino torna Maze Festival. La manifestazione, giunta alla terza edizione, animeràPiazzale Valdo Fusi e l’Ex Borsa Valori – in via San Francesco da Paola 28 – con sfilate, mostre fotografiche, talk, live musicali e molto altro. Dopo gli ottimi numeri raggiunti dall’edizione precedente, che ha registrato più di 6000 visitatori, Maze Festival ha attirato l’attenzione di brand e addetti ai lavori da tutta Italia e anche dal resto dell’Europa; ciò è stato possibile grazie ad una ricetta che unisce al meglio la natura commerciale del mondo dello streetwear con l’esigenza di arricchire e diffondere la streetculture in tutte le sue sfumature, grazie anche alla partecipazione di ospiti d’eccezione. Tra i brand, tornano a sfilare ed esporre big del calibro di Fred Perry, Kappa, Mizuno, Pop84, Dolly Noire; a loro si aggiungono giovani brand italiani come ButNot, TBD, Nektaryus, Wildbandana, Italia90, accompagnati da brand europei e internazionali quali Infinite Society, Badge (Taiwan), BLSSD e Lacomedi (Dubai). Un mix esplosivo di stili, design e immaginari che si mescolano in una vetrina eclettica, dai molteplici spunti sia B2B che B2C. I brand saranno inoltre protagonisti delle sfilate, aperte non solo agli addetti ai lavori ma anche al pubblico: un modo per avvicinare gli appassionati al mondo del fashion e dello streetwear, permettendo di vedere in anteprima ciò che caratterizzerà le prossime stagioni nei negozi e online.  Moltissime e diversificate sono invece le attività che si svolgeranno durante i tre giorni. Ci saranno diverse live performance, come quella del sushi artist The Onigiri Art – famoso per aver trasformato la preparazione del sushi in una vera e propria forma d’arte - nonché esibizioni ricercate come quelle di HEYGraphic e Square23 sulla streetart, oppure la mostra fotografica di Enrico Rassu– fotografo ufficiale di musicisti quali Luchè, Ernia, Sfera Ebbasta, Tredici Pietro, i Majid Jordan, Baka di OVO Sound. Il rap sarà presente in più forme, non solo come protagonista degli scatti dell’esibizione. Un esclusivo talk sul rap come linguaggio d’espressione vedrà la partecipazione di tre pesi massimi della scena italiana: Clementino, Willie Peyote e Axos, tre generazioni a confronto. Lo stesso Axos sarà poi protagonista domenica, con un esclusivo live showcase. A questo ricchissimo programma si aggiunge un contest di skate by Vans, il contest di produzione musicale The Amazing Beat – con due giudici d’eccezione, il ballerino e producer di fama internazionale FlockeyOcscor ed il producer Franksativa - esclusivi talk con figure di spicco del mondo dello streetwear e non solo, attività interattive per tutti gli appassionati. Tutte le serate vedranno infine aperitivi e afterparty musicali, a coronare l’intrattenimento di ogni giornata. Realizzato con il patrocinio della regione Piemonte e del Comune di Torino e con il contributo della Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino, il Festival è ideato da Jennifer Caodaglio e creato dall’Associazione Interculturale Multiethnic Media, nata nel 2007 per sostenere il dialogo tra le diverse culture della società contemporanea della città ed è realizzato in collaborazione con STUDIO2fashion Events, società che opera da quasi trent’anni nel settore della moda internazionale. 

www.maze.events  facebook

Kinda 3D Swimwear nasce dalla voglia di creare capi originali, raffinati e versatili, disegnati per esaltare la naturale bellezza di tutte le donne. Unendo le sue due più grandi passioni (la musica e la natura) alla sartorialità italiana, è nata “A Kinda of magic” la collezione S/S 2019 Kinda 3D Swimwear. Solo per animi rock. Kinda (letto “Kainda”) è lo slang americano di kind of e significa “praticamente”, perché i loro in pratica sono costumi, ma basta osservarli per capire che sono molto di più. Indossabili dal giorno alla notte (e viceversa) sono perfetti anche abbinati a un jeans o a una lunga gonna di tulle. Stiamo parlando di costumi esclusivi, non esclusivamente di costumi! Attraverso le ricerche, lo studio e la passione per la moda hanno riscoperto un’antica tecnica di cucito, chiamata “fabric manipulation”, che permette ai tessuti, se cuciti secondo precise regole, di acquisire tridimensionalità nello spazio. Questa tecnica è stata applicata ai tessuti elastici! Il risultato sono piccoli capolavori sartoriali, costumi e body romantici ed estremamente femminili, proprio perché arricchiti con delicate decorazioni. Potrebbe non essere così? Credono che la musica sia la più alta forma d’arte, al di là del tempo e dei confini. Alla musica danno non solo il merito dell’ispirazione, ma anche la personalità, lo stile e i nomi dei modelli Kinda. Si ispirano ai più grandi musicisti di sempre, per creare “pezzi” sartoriali senza tempo. Amano lasciarsi ispirare dalla natura ed è per questo che utilizzano esclusivamente colori pastello e decorano le loro creazioni con forme eleganti e naturali. Ogni petalo, onda o ricamo è realizzato seguendo le linee e i colori dell’ambiente che li circonda, con l’obiettivo di valorizzare in modo naturale la bellezza di ogni donna. Dal design al packaging, passando per il confezionamento, tutto è realizzato in Italia, con i migliori tessuti e tutta la loro esperienza. Utilizzano esclusivamente microfibra prodotta in Italia, perché credono che la qualità faccia la differenza. Hanno scelto di lavorare con fornitori e partner 100% italiani per garantire costanza e accuratezza nella realizzazione di ogni singolo pezzo, perché ogni costume che confezionano sia eccellente espressione dell’artigianalità italiana.

kinda_3d_swimwear_moda_abbigliamento_shopping_4fashionlook

kinda_3d_swimwear_moda_abbigliamento_shopping_4fashionlook

kinda_3d_swimwear_moda_abbigliamento_shopping_4fashionlook

www.kindaswimwear.com  facebook

Nei saloni della residenza dell’Ambasciata d’Italia a Belgrado lo stilista Michele Miglionico ospite con la sua Alta Moda per celebrare i 140 anni dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Serbia. L’Ambasciatore Italiano S.E. Carlo Lo Cascio e la consorte Alessandra hanno ospitato  nella splendida residenza dell’Ambasciata d’Italia a Belgradolo stilista Michele Miglionico che ha presentato per la prima volta in Serbia la sua collezione di Alta Moda “Madonne Lucane”. L’evento è stato organizzato dall'Ambasciata d'Italia a Belgrado in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura, l'Ufficio ICE e l’Agenzia Fabrika,per celebrare i140 anni dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra l'Italia e la Serbia, nonché 10 anni dell'istituzione di un partenariato strategico tra Roma e Belgrado. Nelle sale della residenza ospiti selezionatissimi del mondo serbo dell’imprenditoria, del giornalismo, dello spettacolo insieme ad alcuni membri della diplomazia estera  hanno potuto apprezzare ventisei creazioni dello stilista Michele Miglionico della collezione di Alta Moda“Madonne Lucane”ispirate alle figure femminili della tradizione lucana e alle Madonne venerate e portate in processione in questa terra e alla sua cultura popolare. Le modelle durante la sfilata hanno evidenziato con il movimento degli abiti la lavorazione preziosa di pizzi, ricami e tessuti pregiati che contraddistinguono il lavoro di recupero da parte dello stilista dell’artigianato e delle figure professionali che ancora oggi sono presenti sul territorio lucano. La serata è proseguita con un cocktail dinatoire dove i selezionatissimi ospiti hanno potuto degustare i piatti tipici della cucina italianaabbinati a vini e passiti italiani.

michele_miglionico_4fashionlook

michele_miglionico_4fashionlook

michele_miglionico_4fashionlook

www.michelemiglionico.com  facebook

4fashionlook su Facebook   4fashionlook su Instagram   4fashionlook su YouTube